Per gli anziani, la durata è più importante dell’orario

Introduzione

Una volta superati i 60 anni, sì iniziano a verificare dei deficit in alcune attività funzionali, come:

  • Forza della presa
  • Velocità della camminata
  • Mobilità di base
  • Forza nelle gambe

Questi deficit aumentano la probabilità di sviluppare delle disabilità motorie, ma fortunatamente si è visto che l’attività fisica da moderata ad intensa aiuta a migliorare queste funzioni.

Con lo scopo di migliorare l’allenamento per le persone anziane, questo paper ha provato ad analizzare i differenti benefici di una attività motoria in diversi momenti della giornata. L’ipotesi è che il ritmo circadiano possa influire sui risultati (ad esempio una attività fisica mattutina può essere più proficua). Ed è proprio questo che hanno ipotizzato gli autori con questi studio.

Metodi

Questo è uno studio “cross-sectional”. Gli autori non hanno sottoposto i partecipanti ad un regime di allenamento, ma hanno osservato la loro attività fisica per un periodo per poi sottoporli ad un unico test. Non volevano quindi misurare dei miglioramenti dopo un trattamento, ma valutare le loro performance assumendo che l’attività fisica monitorata nel periodo sia rappresentativa di quello che fanno tutti i giorni.

118 anziani (età fra i 65 e 75 anni) hanno indossato un accelerometro per 7 giorni registrando l’attività motoria da leggera (come camminata) a moderata o intensa. Al termine dei sette giorni sono stati richiamati in laboratorio per eseguire dei test funzionali:

  • Forza della presa usando un dinamometro idraulico
  • Camminata di 11 metri il più velocemente possibile, calcolando il tempo di percorrenza dei 5 metri centrali
  • Per la verifica della mobilità, i partecipanti dovevano alzarsi da una sedia, camminare per 3 metri, tornare indietro e risedersi. Un minor tempo impiegato corrispondeva ad una maggiore mobilità
  • Per la forza degli arti inferiori, i partecipanti si dovevano alzare e risedere per 5 volte da una sedia, il più velocemente possibile.

Risultati

I dati registrati dagli accelerometri durante i sette giorni di osservazione sono stati catalogati per:

  • Tipologia di attività (nulla, leggera o moderata-intensa)
  • Orario dell’attività (mattina, dalle 6 alle 12, pomeriggio dalle 12 alle 18 e sera dalle 18 alle 24)

Questi dati sono stati correlati con le misure delle performance, e si è visto che:

  1. Contrariamente alle ipotesi, l’orario dell’attività fisica non è legato alla performance. Quindi svolgere l’attività fisica la mattina piuttosto che la sera non prediceva una migliore funzionalità nei test
  2. La durata totale dell’attività moderata-intensa è invece predittiva di una migliore performance.

Conclusioni

Probabilmente l’orario dell’attvità fisica non è molto rilevante, ma anche questo studio mostra i benefici di una attività fisica moderata-intensa per gli anziani. E questi benefici aumentano all’aumentare della durata, quindi nelle raccomandazioni per le persone anziane, è bene concentrarsi sulla durata totale dell’attività motoria, indipendentemente dall’orario della giornata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: